Suggerimenti tema: Gli Horti dei semplici e i giardini della salute

Il Giardino dei Semplici: erano così denominate semplici le piante con virtù medicamentose, vere o presunte. A Pisa, Padova e Firenze esistono attualmente gli orti-giardini dei semplici più antichi al mondo, per la coltivazione e lo studio delle piante officinali e di quelle più propriamente medicinali.

L’hortus conclusus (latino, traducibile in italiano come “giardino recintato”) è la forma tipica di giardino medievale, legato soprattutto a monasteri e conventi.

Come dice il nome stesso si tratta di una zona verde, generalmente di piccole dimensione, e circondata da alte mura, dove i monaci coltivavano essenzialmente piante e alberi per scopi alimentari e medicinali. Pressoché sconosciuta era la funzione decorativa.

Nel campo dell’arte sacra europea l’hortus conclusus divenne presto simbolo del Paradiso terrestre e della verginità di Maria. Si trova spesso raffigurato, anche tramite pochi accenni simbolici, in dipinti quali le Annunciazioni ed altre scene della vita della Vergine. Dopotutto l’immagine dell’hortus conclusus è ripresa da un passo biblico del Cantico dei Cantici (4,12): “Hortus conclusus soror mea, sponsa, hortus conclusus, fons signatus”. Traduzione: “Giardino chiuso tu sei, sorella mia, sposa, giardino chiuso, fontana sigillata”.

Fin dal medioevo i “semplici” (varietà vegetali con virtù medicamentosi) si coltivavano in vari orti cittadini. La parola semplici deriva dal latino medioevale “medicamentum” o medicina simplex usata per definire le erbe medicinali. Inizialmente aveva il nome di Horto dei semplici. Il primo orto botanico del mondo occidentale sorse a Salerno, ad opera di Matteo Silvatico, insigne medico della Scuola salernitana tra il tredicesimo ed il quattordicesimo secolo. Egli si distinse come profondo conoscitore di piante per la produzione di medicamenti. Di Matteo Silvatico è il Liber ciballis et medicinalis Pandectarum, preziosa raccolta di informazioni sui semplici, cioè sulle piante che venivano utilizzate per la produzione di medicamenti. L’immagine qui sotto rappresenta il Giardino della Minerva a Salerno: il più antico in Italia.

GiardinodellaMinerva

Tale tipo di orto era chiamato inizialmente Hortus simplicium o anche Hortus medicus, nell’alto Medio Evo veniva detto viridarium. La sua nascita è dovuta ai laboriosi conventi e monasteri di quell’epoca, che custodivano le orbe officinali utili alla realizzazione di medicamenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...