Roditori

I roditori, ed in particolar modo topi e ratti , sono in grado di produrre danni diretti ed indiretti di vario genere ed entità:

  • Danneggiamento di coltivazioni, beni e strutture di ogni genere
  • Consumo e contaminazione di derrate alimentari.

In particolare nell’ambiente urbano l’aspetto sanitario è quello più rilevante, in quanto la densità abitativa è più elevata. Infatti, topi e ratti rappresentano dei potenziali vettori, nonché serbatoio di diverse malattie trasmissibili sia all’uomo, che agli animali domestici.

Le tre specie di roditori più diffuse nei nostri territori sono 3: il Rattus norvegicus (o ratto di fogna), il Rattus rattus (o ratto nero) e il Mus musculus (o topolino delle case). Il Rattus norvegicus è la specie dominante tra i roditori urbani, grazie ad alcuni fattori biologici fondamentali quali: buon potenziale riproduttivo, abitudini alimentari onnivore, alta plasticità adattativa, buone capacità sensoriali e fisiche e un’organizzazione sociale in grandi gruppi di popolazione. Si tratta di animali tendenzialmente onnivori, che tuttavia preferiscono nutrirsi di carne quando se ne presenti l’occasione: gli esemplari che vivono in aree urbane si nutrono principalmente di scarti, mangiando praticamente tutto ciò che di commestibile riescono a reperire: possono nutrirsi senza conseguenze per l’organismo anche di cuoio e di sapone.

L’infestazione è sviluppata principalmente dove sono favorite le loro proliferazione e sopravvivenza, dove c’è abbondanza di cibo e riparo, come ad esempio in situazioni di degrado urbano, in edifici senza manutenzione e in presenza di cumuli di rifiuti.

Gestione di lotta integrata

La modalità di lotta agli animali infestanti più efficace si svolge tramite un approccio ecologico , studiato in modo da combinare la lotta chimica con una gestione “intelligente” dell’ambiente , attraverso:

  • la manutenzione degli stabili in modo che siano a prova di ratto
  • la gestione corretta (imballaggio e conservazione ermetici) dei rifiuti organici ed alimentari perché non diventino un alimento a disposizione dei ratti
  • la derattizzazione localizzata , ovvero uso di prodotti chimici contro i roditori limitati alle zone in cui questa problematica è più presenti

Informazioni e Segnalazioni

Per ratti provenienti da Fognature o da aree pubbliche è possibile fare una segnalazione al Servizio Ambiente dell’Unione o all’Ufficio Relazioni con il pubblico del Comune di Residenza . Gli uffici provvederanno ad inoltrare la segnalazione alla ditta appaltatrice della disinfestazione per le verifiche del caso e l’eventuale ulteriore posizionamento di trappole e/o esche.

Per quel che riguarda la presenza dei roditori nelle aree private il cittadino deve farsi carico di mettere in atto tutte le precauzioni per evitarne la proliferazione, non lasciando cibo a disposizione degli animali e utilizzando prodotti specifici per la lotta ai roditori acquistabili nei negozi specializzati.

FONTE: http://www.labassaromagna.it/Guida-ai-Servizi/Ambiente-e-Verde/Animali-infestanti/Topi-e-ratti

Annunci